Richard Mille: cosa c'è dietro tutto questo clamore? -Rivista di Chrono24 (2023)

Richard Mille: cosa c'è dietro tutto questo clamore? -Rivista di Chrono24 (1)

"O lo ami o lo odi": questa espressione si adatta sicuramente al marchio e agli orologi.Riccardo Mille. Ma è davvero tutto bianco o nero, senza niente in mezzo? Quasi tutti quelli che conosco hanno un'opinione su questo brand: sento spesso dire che è (troppo) vistoso, (troppo) colorato, (troppo) costoso, ma anche innovativo, glamour e popolare. A testimonianza di una brillante strategia di marketing, quanta innovazione tecnologica e personalità si nascondono effettivamente dietro il grido di questocasadi lusso?

Richard Mille: cosa c'è dietro tutto questo clamore? -Rivista di Chrono24 (2)

Richard Mille RM11-03

Chi c'è dietro Richard Mille?

Potrebbe sorprenderti, ma dietro Richard Mille c'è Richard Mille. Nato nel 1951 a Draguignan, in Francia, la carriera di Mille non è iniziata come orologiaio. Si è fatto strada nel marketing e nella gestione di vari marchi di lusso tra cui il marchio Matra e i suoi marchi (ad esempio Yema). Nel 1974 Seiko acquistò Matra e nel 1992 Mille lasciò l'azienda per trasferirsi a Milanocasadalla gioielleria Mauboussin. Alla fine, nel 1999, Mille decise di creare il proprio marchio di orologi insieme al suo amico e socio in affari Dominique Guenat, ex proprietario e amministratore delegato dell'orologiaio Valgine. Ancora oggi Guenat S.A. Montres Valgine continua a supportare l'azienda nello sviluppo, produzione e distribuzione degli orologi Richard Mille. Nel 2001, quasi due anni dopo la sua fondazione, ha lanciato il suo primo orologio chiamatoRM001. Ma su questo torneremo più tardi!

L'azienda

Se gli orologi Richard Mille sono complessi, la loro struttura aziendale non è diversa. Esistono infatti molte altre società che possiedono parti dell'azienda e sono coinvolte a vario titolo nella gestione operativa dell'azienda. Tra questi troviamo, oltre alla già citata Guenat S.A. Montres Valgine, anche ProArt SA, che produce alcuni componenti per orologi (tra cui casse, ponti e pulsanti). la maggior partemovimenti del cronografoe gli orologi automatici, invece, sono il risultato della collaborazione tra Richard Mille e Vaucher Manufacture Fleurier. Altro aspetto interessante è che anche Audemars Piguet Renaud et Papi ha investito in questo progetto: un partner molto vantaggioso, soprattutto per calibri molto complessi, come i tourbillon. In breve: invece di costruire una forte produzione interna per soddisfare i propri clienti, come spesso idealizza l’orologeria svizzera, Richard Mille si concentra sulla collaborazione con specialisti del settore; Senza dubbio, un aspetto che è stato criticato da molti. Ma dietro tutto questo c'è una strategia chiara, come riporta il sito che spiega la visione di Mille:"Desideravo da tempo lanciare il mio marchio. Volevo creare un nuovo modello di business che si allontanasse dalle strategie di marketing tradizionali: volevo qualcosa di veramente originale[..]»Pertanto, la diversità e il desiderio di creare uno speciale "modello di business" sono al centro dell'identità del marchio. Nel 2018 Richard Mille contava 148 dipendenti e, secondo varie fonti, tra cui il FHH Journal, il suo fatturato per lo stesso anno ammontava a 300 milioni di franchi svizzeri. Per darvi un'idea, il fatturato di Audemars Piguet nello stesso anno è stato di 937 milioni di dollari, che attualmente equivalgono a 915 milioni di franchi svizzeri.

Dai un'occhiata a questo post su Instagram

Un post condiviso da Ig Orologio da polso ⌚??? (@igwrist)militare

Il primo orologio di Richard Mille

Due anni dopo la sua creazione, Richard Mille presentò al pubblico il suo primo prodotto: un orologio che aveva un prezzo al dettaglio a sei cifre di 135.000 dollari. Una bella somma di denaro per quello che (a prima vista) potrebbe sembrare un orologio sportivo con una "cosa" simile a un tourbillon sul quadrante aperto. Fino ad allora era piuttosto insolito menzionare insieme i termini "sport" e "tourbillon" per descrivere un orologio, e in effetti la cosa destò non poca sorpresa.

di solito iotourbillonnon sono fatti per svolgere attività su larga scala. Date le tante parti fragili che lo compongono e il peso non proprio leggero degli orologi che lo montano, i movimenti improvvisi possono rappresentare per loro un vero e proprio stress test. Ma il modello RM001 non presenta di certo questi problemi. Il design presenta un movimento a carica manuale staccato dalla cassa che sembra fluttuare all'interno senza alcun collegamento. Grazie al ponte e alle fibre di carbonio, il movimento è molto resistente agli urti.

In questo senso, Richard MilleRM001È stata davvero una rivoluzione, naturalmente prodotta in edizione limitata. Sia l'aspetto dell'avveniristica cassa a forma di barilotto con otto viti nell'anello che il calibro a vista hanno suscitato scalpore e hanno giustamente ricevuto molta attenzione da parte della stampa specializzata. Lo stesso Richard Mille ha definito l'orologio"una delle più grandi rivoluzioni del suo tempo nella storia dell'orologeria".

Richard Mille: cosa c'è dietro tutto questo clamore? -Rivista di Chrono24 (3)

Cosa c'è dietro tutto questo polverone?

“Un Richard Mille costa quanto unolambo» canta il rapper americano Meek Mill nel suo "Going Bad", ma non è l'unico a saperlo. Che ci crediate o no, il marchio ha realizzato quello che per altri marchi è solo un sogno: in certi ambienti sta diventando un "cult". Anche senza un sondaggio ufficiale sulla notorietà del marchio, posso dire, ad esempio, che sia mio cugino di 12 anni che mio padre, che non hanno nulla a che fare con il mondo degli orologi, hanno già sentito parlare di Richard Mille. Quando digiti "Richard" su Google, i suggerimenti suggeriti sono: Richard Mille Price, Richard Mille Nadal, Richard Mille Drake, Richard Mille Odell Beckham. Interessante è anche vedere quali paesi vengono cercati più spesso: Singapore, Emirati Arabi Uniti e Svizzera. Ma vediamo alcune cose ancora più da vicino!

Dai un'occhiata a questo post su Instagram

Un post condiviso da IWS – ItalianWatchSpotter (@italianwatchspotter)militare

Punto n.1: il prezzo

La citazione di Richard Mille menzionata all'inizio recita come segue:«[...] Il mio obiettivo era creare un nuovo segmento del lusso nel settore degli orologi esclusivi [...]».Quindi il prezzo aiuta a distinguere l'individualità del marchio. Si potrebbe quasi azzardare un paragone tra Richard Mille e ciò che Audemars Piguet fece allora con il Royal Oak, che con la sua politica dei prezzi creò una categoria e un mercato completamente nuovi. Un segmento di prezzo in cui c'è pochissima concorrenza. Esteticamente Hublot sarebbe il suo nemico naturale, anche se modelli come il Big Bang Tourbillon sono già in vendita (in questo caso, va detto) a partire da 63.000 dollari. È quindi il prezzo a determinare che gli acquirenti appartengano a un'élite ancora più ristretta: il vero lusso estremo destinato ai miliardari.

Il prezzo va naturalmente di pari passo con il numero limitato di copie. Secondo varie fonti, la produzione annua di Richard Mille ammonta a circa 5.000 orologi. Per darvi un riferimento, Audemars Piguet ne produce circa 31.000 nello stesso periodo. Un modello base di Richard Mille costa circa 80.000 dollari (prezzo di listino), mentre il modello più costoso lo èRM56-02Zaffiro con un prezzo di listino di circa $ 2.000.000. Anche se per i clienti di Richard Mille la domanda non si pone: qual è la stabilità del valore di questi orologi? Per rispondere a questa domanda diamo un'occhiata ai due orologi Richard Mille che hanno riscosso maggior successo lo scorso anno secondo le richieste di Chrono24:RM 01#1 Filippo MassaERM 035 Rafael Nadal. In ogni caso questi due orologi si sono comportati egregiamente e si stanno rivelando un buon investimento.

Richard Mille: cosa c'è dietro tutto questo clamore? -Rivista di Chrono24 (4)

Prestazioni del primo RM035

Punto 2: rete

"Una macchina da corsa al polso": un'auto al polso, recita lo slogan pubblicitario degli orologi Richard Mille. Inconfondibile sia per il design che per la scelta dei materiali, il mondo delle auto da corsa è la maggiore ispirazione per gli orologi Richard Mille. In linea con questa immagine, Mille sottolinea spesso la sua passione per le corse e l'ingegneria che c'è dietro. Non sorprende quindi che l'ex pilota di Formula 1 Felipe Massa sia stato uno dei primi piloti e partner a ricevere uno di questi orologi. Cosa lo rende così speciale? Massa lo ha indossato anche in gara e lo ha indossato anche durante l'incidente del 2014, dal quale fortunatamente sia lui che l'orologio sono rimasti illesi. Oggi il marchio sembra avere come partner tutta la Formula 1, e quindi l'associazione con il team americano Haas non è stata così sorprendente. Questi orologi eccellono anche nel tennis grazie a Rafael Nadal e nel football americano grazie a Odell Beckham Jr. Ma sfruttare personalità di alto profilo per diventare ambasciatori dei propri prodotti è anche qualcosa di Rolex, Omega & Co. sono bravi a. L'ingegnosità di Mille sta nel fatto che i suoi orologi vengono indossati durante competizioni e partite, e poi utilizzati in condizioni di gara, per evidenziarne la durata. L'effetto a breve termine è evidente, ad esempio, se si considera il caso di una partita della NFL a settembre in cui la stella del football Odell Beckham Jr. indossava un RM 11-03 da $ 300.000 al polso. Ciò ha influenzato notevolmente le ricerche sul nostro mercato online:

Richard Mille: cosa c'è dietro tutto questo clamore? -Rivista di Chrono24 (5)

Numero di visitatori (tramite motori di ricerca) delle pagine Richard Mille di Chrono24.

Almeno nel breve termine, il brusio è molto reale! L'elenco dei personaggi famosi che ne indossano uno è lungo almeno quanto gli zeri dei prezzi di listino: Pharrell Williams, Drake, Bubba Watson, Ed Sheeran e Jay-Z, che ha annunciato con orgoglio su Instagram che avrebbe realizzato la scatola per il suo RM 056 da Circa 2,5 milioni hanno richiesto ben 3.000 ore di lavoro.

Dai un'occhiata a questo post su Instagram

Un post condiviso da SauceyFarms (@alextodd)militare

La strategia è inequivocabile e Richard Mille è spesso in prima linea, raccontando la sua storia di ribelle nel mondo dell'orologeria. Tutto considerato, penso che il loro marketing segua una linea chiara e coerente, puntando a posizionare gli orologi dove nessuno si aspetta e utilizzando il prezzo come uno strumento potente. Il brand riesce a comunicare senza ricorrere a troppe parole. La sola presenza di questi sorprendenti bracciali di lusso ai polsi delle star attira la nostra attenzione e diventa l'unica cosa su cui possiamo concentrarci. Ci ritroviamo così a fare una ricerca su Google, sorpresi dal prezzo, e diventa argomento di conversazione al prossimo incontro con i nostri amici.

La celebrazione del lusso colpisce soprattutto le giovani generazioni.Il 60% delle ricerche di Richard Mille su Chrono24 provengono da persone di età inferiore ai 35 anni.Sfoggiare il lusso su Instagram e altri social media è di moda come non lo è stato da molto tempo, e su blog come Highsnobiety e Hypebeast, un Richard Mille sta sicuramente meglio con le sneakers Offwhite e le felpe con cappuccio Supreme che con un Grand Seiko. In questi contesti, anche Rolex è stato sostituito da marchi come Patek Philippe, Audemars Piguet e Richard Mille. Anche se forse un Rolex tempestato di diamanti potrebbe avere qualche probabilità.

Ma significa davvero che Richard Mille, grazie ad un brillante marketing e alla creazione di questo fenomeno, sia davvero in grado di battere i marchi “veterani” del settore se guardiamo ai numeri reali? Probabilmente no. Ma chi può permettersi questi orologi vuole che tutti i comuni mortali sappiano quanto vale un Richard Mille per segnare la distanza.

Punto n.3: E dal punto di vista tecnologico?

Nel caso in cui chi lo indossa si senta obbligato a giustificare il fatto di avere al polso quella che equivale a una bella residenza con piscina, Richard Mille offre una serie di argomentazioni tecniche che suonano meglio di un semplice "Mi piacerebbe". "Potrebbe" . permettersi". In effetti questi orologi hanno molto da offrire a livello tecnico. Prendiamo ad esempio il modello.Sala 27-03dastella del tennisRafael Nadal. Per questo orologio Richard Mille ha utilizzato il cosiddetto carbonio TPT, un materiale high-tech costituito da innumerevoli strati sottilissimi di fibra di carbonio, mentre per fondello e ghiera la manifattura svizzera ha scelto il quarzo TPT, ottenuto fondendo sottilissimi strati di cristalli di quarzo con resina sintetica. Il prezzo? Si supera quasi la soglia degli 800.000 euro.

Secondo Fabrice Namura, designer dicasaRichard Mille, modelliAprile 11-03È stato progettato in stretta collaborazione con McLaren e il suo capo progettista Rob Melville. L'obiettivo era creare un orologio fuori dall'ordinario. La scritta McLaren sull'anello doveva essere solo un indizio di questa collaborazione, ma si è rivelata un bel dettaglio che ricorda le prese d'aria della potente monoposto P15 "Senna" da 800 CV. I pulsanti di questo cronografo flyback sono realizzati in titanio e ricordano i fari del famoso 720S. È sicuramente un orologioSpettacolo.

Conclusione

Capisco che un marchio e il modo in cui viene pubblicizzato possano infastidire alcune persone. Ammetto che anch'io all'inizio ero scettico, perché siamo onesti: molti di noi amano peccare per eccesso di falsa modestia, e infatti possiamo sentirci segretamente orgogliosi quando qualcuno ci chiede del suo orologio e quanto costa. Anche se può dipendere dalla cultura di origine e non è così ovunque. Quello che voglio dire è che, come spesso accade in altri ambiti, bisognerebbe aspettare di guardare la situazione un po' più da vicino prima di esprimere un giudizio sommario e affrettato. In questo caso, ho scoperto che questo marchio è riuscito a sfruttare i suoi punti deboli, ad es. la mancanza di storia e tradizione sono i suoi principali punti di forza: infatti, può apportare grandi cambiamenti senza doversi preoccupare dei vecchi entusiasti conservatori. . Continua la critica all'anticonformismo nella pianificazione, nel design e nel marketing. Ma chi pretende di rivoluzionare il settore dell’orologeria deve farlo sul serio. E penso che Richard Mille finora ci sia riuscito.

Non devi essere un fan di questi orologi e di ciò che rappresentano. Il vantaggio dell'attenzione che Richard Mille catalizza è che forse anche le generazioni più giovani vanno pazze per gli orologi da polso (meccanici). Come è successo con l'anticipo delIntelligente, tuo, c'è la possibilità che l'intero settore dell'orologeria ne tragga vantaggio. E penso che sia una cosa grandiosa!

Continua a leggere

La magia degli orologi scheletrati

Speciale US Open: Gli orologi delle stelle del tennis

References

Top Articles
Latest Posts
Article information

Author: Fr. Dewey Fisher

Last Updated: 08/12/2023

Views: 6045

Rating: 4.1 / 5 (62 voted)

Reviews: 85% of readers found this page helpful

Author information

Name: Fr. Dewey Fisher

Birthday: 1993-03-26

Address: 917 Hyun Views, Rogahnmouth, KY 91013-8827

Phone: +5938540192553

Job: Administration Developer

Hobby: Embroidery, Horseback riding, Juggling, Urban exploration, Skiing, Cycling, Handball

Introduction: My name is Fr. Dewey Fisher, I am a powerful, open, faithful, combative, spotless, faithful, fair person who loves writing and wants to share my knowledge and understanding with you.